Perché la disinformazione del vaccino COVID-19 è un rischio chiave nel 2021

Nonostante la diffusa interruzione data dalla pandemia di coronavirus, il 2020 si è concluso con un barlume di speranza, poiché gli scienziati hanno sviluppato con successo un vaccino. All’inizio del 2021, numerosi paesi stanno lanciando programmi di vaccinazione per le loro popolazioni.

Ma questo importante risultato deve affrontare una minaccia critica: l’aumento dello scetticismo sui vaccini. Tra la paura diffusa e il dubbio sul vaccino, le persone potrebbero rifiutarsi di riceverlo. Di conseguenza, l’immunità della mandria sarà compromessa e il ritorno alla vita normale ritardato. Eventuali ulteriori ritardi comprometteranno la ripresa di economie già fragili.

Per comprendere lo scetticismo sui vaccini, dobbiamo guardare ai social media, che svolgono un ruolo chiave. Gran parte del problema deriva dalla proliferazione della disinformazione dei vaccini, iniziata molto prima che iniziasse la pandemia di coronavirus. I cattivi attori seminano deliberatamente false narrazioni sui vaccini nelle conversazioni sui social media, con l’obiettivo di esacerbare le divisioni tra i gruppi e creare dubbi sulla sicurezza dei vaccini.

Le teorie del complotto relative ai vaccini hanno inondato i social media da quando la pandemia ha raggiunto i paesi occidentali nel marzo 2020. Alcune narrazioni sono oltraggiose, come le affermazioni secondo cui Bill Gates sta utilizzando il vaccino per impiantare la popolazione globale con microchip di localizzazione GPS. Altri ruotano attorno a preoccupazioni più prosaiche su effetti collaterali sconosciuti e processi di test affrettati.

Il 2020 è stato un anno di diffusa paura, incertezza e sfiducia nei confronti dei governi. Questo crea un terreno fertile per le teorie del complotto. Le persone li usano per dare un senso a un mondo sempre più incerto. Per alcuni, le teorie del complotto forniscono una spiegazione per eventi inspiegabili e un senso di riconquista del controllo. Questo senso di incertezza è ulteriormente accentuato dall’incongruenza del governo nella gestione della pandemia.

In particolare, i paesi con governi populisti (ad esempio Brasile, Regno Unito e Stati Uniti) sono stati i peggiori durante la pandemia. La ricerca mostra anche che la fede nelle teorie del complotto è tipicamente più comune tra coloro che hanno ideologie politiche più estreme. Ad esempio, QAnon, un’importante teoria della cospirazione pro-Trump, include narrazioni anti-vaccino (come quella su Bill Gates e il microchip).

Diversi fattori chiave rendono l’ecosistema dei social media un terreno fertile per la diffusione della disinformazione dei vaccini.

In primo luogo, il design delle piattaforme dei social media, che esacerba il tribalismo e la polarizzazione. Inevitabilmente, il blocco significa che viene trascorso più tempo sui social media che mai. Gli utenti dei social media bramano quei piccoli colpi di dopamina ogni volta che viene visualizzata una nuova notifica. Le persone sono costantemente alla ricerca di risposte, specialmente durante un periodo confuso e pauroso come il blocco. Per alcuni, le teorie del complotto forniscono quelle risposte, comprese le domande sulle vaccinazioni.

Inoltre, quando le persone trascorrono più tempo sui social media, trascorrono anche più tempo nelle camere dell’eco. Le camere eco aumentano l’autostima creando una sensazione di appartenenza al gruppo e fornendo l’approvazione degli altri membri del gruppo. Questo è potente, specialmente in tempi di incertezza e isolamento. Ma troppo tempo trascorso nelle camere di risonanza può indurire gli atteggiamenti esistenti, come lo scetticismo sui vaccini, e seminare i semi di nuovi.

Potrebbe essere già troppo tardi, poiché lo scetticismo sui vaccini è diventato saldamente radicato nella conversazione online. Sono già stati osservati effetti nella vita reale, come un dipendente dell’ospedale che ha “intenzionalmente distrutto” centinaia di dosi di vaccino. Un gran numero di persone è già determinato a rifiutare il vaccino COVID-19. Tuttavia, esistono diversi modi per cercare di controllare la ricaduta proteggendo l’ambiente delle informazioni.

Le piattaforme di social media hanno la responsabilità pubblica di assumere una posizione dura sulla disinformazione dei vaccini. Ciò significa monitorare le discussioni sulle loro piattaforme ed essere pronti a emettere rimosse immediate sui casi di evidente disinformazione correlata ai vaccini. Inoltre, le piattaforme devono adottare misure per rimanere al passo con il comportamento non autentico coordinato sulla disinformazione dei vaccini. Ad esempio, questo potrebbe sembrare un gran numero di account che pubblicano messaggi ripetitivi che esprimono dubbi sul vaccino. Questo comportamento è noto come astroturfing, ovvero il tentativo di creare un’apparenza artificiale di consenso dell’opinione pubblica su un determinato problema.

L’ambiente dei social media avrà bisogno di un attento monitoraggio per questi segni di interferenza organizzata. I cattivi attori mireranno a sfruttare questa vulnerabilità per spingere le popolazioni verso atteggiamenti più estremi di rifiuto del vaccino. Se ciò accade, c’è il rischio di un diffuso rifiuto di sottoporsi al vaccino. Ciò ovviamente comprometterà le misure di sanità pubblica volte a porre fine alla pandemia. È una linea sottile da percorrere. I governi e le società di social media dovrebbero lavorare in tandem per affrontare il problema.

Una delle più grandi sfide del 2021 sarà quella di separare le narrazioni anti-vax estreme dalle autentiche espressioni di preoccupazione di persone con opinioni altrimenti moderate. Sollevare preoccupazioni su effetti collaterali sconosciuti o un processo di test “affrettato” non rende necessariamente qualcuno un anti-vaxxer. I governi dovranno trovare modi per affrontare queste preoccupazioni più comuni in un modo che rafforzi la fiducia, affrontando anche gli estremi.

Perché la disinformazione del vaccino COVID-19 è un rischio chiave nel 2021ultima modifica: 2021-01-13T22:50:42+01:00da darionuke86
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento