Una tendenza inquietante: la strada verso un’era cyber-oscura

Di recente abbiamo assistito a una crescente tendenza al protezionismo da parte di nazioni che lottano per adattarsi a un ventunesimo secolo di interconnessione senza precedenti. La dottrina “America First” dell’amministrazione Trump, l’escalation delle guerre commerciali e, più recentemente, la pandemia COVID-19, sono forze opposte alle tendenze della globalizzazione degli ultimi 50 anni. Internet, così come la conosciamo, ha conosciuto solo un mondo sempre più globalizzato, svolgendo anche un ruolo chiave in quella globalizzazione. Internet si basa sulla cooperazione e l’adesione a standard aperti e non ha dovuto affrontare forze protezionistiche così forti nella sua esistenza moderna. Mentre le tensioni globali continuano a crescere, Internet potrebbe trovarsi ad essere usata come arma, qualcosa che stiamo già iniziando a vedere ora.

Le nazioni devono riconoscere la minaccia di un’escalation oltre il punto di non ritorno e adottare misure per garantire che l’interconnettività di Internet aperto rimanga intatta a lungo termine. Ciò impedirà una “età oscura cibernetica” in cui i governi implementano i protocolli Internet nazionali e interrompono il libero flusso di dati attraverso i confini.

La minaccia attuale

Internet, nata dalla necessità di condividere la ricerca tra università e strutture governative per iniziative di difesa, è stata costruita strato per strato in anni di collaborazione tra nazioni. Questa interconnessione potrebbe essere frantumata e dissolta se quel desiderio di collaborazione cessasse.

Le misure nazionaliste e protettive nel mondo fisico stanno iniziando a diffondersi nel digitale. Alcuni leader mondiali hanno utilizzato per decenni azioni legislative e tecnologie per limitare il flusso di traffico Internet in entrata e in uscita dai loro paesi. Più di recente, ci sono segnali che le nazioni stanno tentando di frenare l’influenza delle loro controparti promulgando una legislazione che limita l’accesso ai dati in altri paesi e che impedisce ai fornitori di software e hardware stranieri di operare all’interno dei loro confini.

Se le attuali tendenze di escalation continuano, i governi potrebbero attuare misure che destabilizzano l’Internet aperta come la conosciamo limitando o chiudendo i gasdotti digitali in entrata e in uscita dai loro paesi. Le misure restrittive che i governi potrebbero adottare includono:

  • Legislazione per rigidi controlli dei dati che impediscono alle organizzazioni di condividere o trasferire dati oltre i confini, il che limiterebbe del tutto il libero flusso dei dati, al contrario di legiferare leggi sulla privacy dei dati progettate per proteggere le persone;
  • Legislazione e attuazione dei controlli del traffico di rete per impedire che applicazioni e servizi funzionino oltre i confini, il che impedirebbe ai social network di operare a livello globale e ai servizi di notizie di pubblicare media online in altri paesi;
  • Nazionalizzazione dei fornitori di servizi Internet, mettendo di fatto l’infrastruttura di Internet sotto il controllo delle agenzie governative da limitare in nome della sicurezza nazionale;
  • Legiferare e attuare nuovi standard e protocolli in modo tale che i dati non possano più viaggiare efficacemente oltre i confini, il che annullerebbe completamente l’interconnessione fornita dall’ampia adozione di protocolli comuni.

I primi due scenari creerebbero una cortina di ferro a più strati che impedisce l’interazione quotidiana tra paesi che non si vedevano dagli anni ’80. Il commercio internazionale e i social media smetterebbero di funzionare come fanno oggi.

Il terzo e il quarto scenario porterebbero a un’era cibernetica in cui non potremmo più fare affidamento sull’integrità o sulla disponibilità delle informazioni diffuse in tutto il mondo. I router non funzionerebbero più come previsto e i flussi di dati internazionali verrebbero convogliati attraverso gateway strettamente controllati. In un momento in cui i dispositivi Internet delle cose (IoT) stanno aumentando a un ritmo esponenziale e dove sono necessari ulteriori sforzi per sviluppare veri standard e protocolli, queste misure protezionistiche spezzerebbero ulteriormente l’ambiente già caotico e insicuro in cui operano molti di questi dispositivi .

Gli utenti non sarebbero in grado di interagire con quelli di altri paesi. Inoltre, le nazioni competerebbero per espandere la loro influenza implementando protocolli e infrastrutture nazionali nelle nazioni in via di sviluppo in una nuova corsa agli armamenti digitali. Alla fine, potremmo perdere la nostra comprensione reciproca fondamentale, che storicamente ha portato a ostilità, odio e guerra.

Il percorso verso la riduzione dell’escalation

Organizzazioni in tutto il mondo stanno già lavorando per prevenire questi scenari peggiori e ridurre l’arma di Internet. The Contract for the Web, un’iniziativa del 2019 della World Wide Web Foundation (WWWF), stabilisce i principi che affrontano le questioni di manipolazione politica e privacy su Internet. La risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite “Promuovere il comportamento responsabile dello Stato nel cyberspazio nel contesto della sicurezza internazionale“, che è stata distribuita nel 2019, ha tentato di delineare ciò che è e non è accettabile nel cyberspazio e di definire le conseguenze. I più maligni autori di buoni standard Internet hanno resistito alla firma di questi accordi.

Nell’era moderna, il multilateralismo e la comunicazione aperta sono riusciti a promuovere gli ideali democratici e ad allentare le tensioni globali: la Dottrina Truman ha posto le basi per l’isolamento del comunismo sovietico attraverso il sostegno di governi filo-democratici; è stata realizzata una linea diretta tra la Casa Bianca e il Cremlino per prevenire una seconda crisi missilistica cubana; ei trattati START e New START cercavano di allentare le tensioni nucleari tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

La comunità globale dovrebbe tirare tutte queste leve mentre l’appetito per la riduzione dell’escalation rimane forte. Dovrebbero essere adottati trattati multilaterali sull’infrastruttura digitale che formalizzano standard aperti, protezione dei dati e neutralità della rete. Ciò rappresenta un’opportunità per la comunità internazionale di impegnarsi per gli standard, la sicurezza e l’interoperabilità dell’IoT per garantire che la tecnologia emergente rimanga vantaggiosa per tutte le società man mano che i casi d’uso continuano a maturare. Questi accordi di infrastruttura digitale dovrebbero anche creare meccanismi di applicazione che disincentivino l’uso improprio e isolino quelle nazioni che non sottoscrivono o non rispettano gli standard concordati limitando le partnership, le transazioni e la condivisione dei dati con le organizzazioni che operano in paesi ritenuti non conformi con gli standard adottati.

Radunando una massa critica di nazioni attorno a un tale trattato e formalizzando l’impegno a mantenere determinati standard, il funzionamento aperto di Internet può prosperare ottenendo la protezione necessaria. Ora è il momento per la comunità globale di agire prima che si raggiunga un punto di non ritorno.

Una tendenza inquietante: la strada verso un’era cyber-oscuraultima modifica: 2021-01-06T14:44:13+01:00da darionuke86
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento