La risposta di Tim Cook all’attacco di Facebook è il miglior esempio di intelligenza emotiva che abbia mai visto

Quando Apple ha annunciato a giugno che avrebbe iniziato a richiedere alle app di chiedere l’autorizzazione prima di tracciare gli utenti, è stata applaudita dai sostenitori della privacy. L’idea era che se volevi raccogliere e monetizzare le informazioni personali delle persone che utilizzano le tue app, puoi, devi solo essere trasparente e chiedere prima.

Considerato in combinazione con il recente requisito secondo cui le app forniscono informazioni dettagliate sui dati che raccolgono e condividono, la funzionalità di iOS 14 in arrivo è un passo positivo se ti interessa proteggere la privacy. Certo, renderà più difficile per le piattaforme di pubblicità digitale come Facebook indirizzare gli annunci agli utenti in base alla loro attività online, ma è difficile sostenere che la trasparenza sia una cosa negativa.

Ciò non significa che Facebook non ci abbia provato. La società ha pubblicato due annunci stampati a tutta pagina su tre dei più grandi giornali, accusando Apple di essere anti-piccole imprese e una minaccia per l’Internet gratuito.

Nel bel mezzo della battaglia tra Facebook e Apple sulla privacy, sarebbe stato facile perdersi quello che penso sia un pezzo molto più importante della storia. Penso che la risposta del CEO di Apple, Tim Cook, sia l’aspetto più interessante ed è un esempio per ogni leader. In effetti, penso che la sua risposta sia forse il miglior esempio di intelligenza emotiva che abbia mai visto.

L’intelligenza emotiva è la capacità di riconoscere la tua reazione emotiva a qualcosa, valutare i pensieri che hanno portato a quelle emozioni e fare scelte intenzionali su come rispondere. Le persone con scarsa intelligenza emotiva tendono a saltare quel passaggio intermedio e invece rispondono dalle loro emozioni, spesso a scapito di se stesse e delle persone che dipendono da loro.

Questo vale sia per gli amministratori delegati che per chiunque altro. In effetti, potrebbe anche essere più difficile mostrare intelligenza emotiva quando la tua azienda è sotto attacco in modo molto pubblico. Non importa se gestisci un’azienda enorme che influisce direttamente sulla vita di miliardi di persone, sarebbe facile irritarsi e frustrarsi quando un concorrente si impegna a rappresentare in modo errato la tua posizione e le tue azioni.

In questo caso, la risposta non è arrivata da una dichiarazione di pubbliche relazioni aziendali. Non è stato twittato da un account aziendale generico e senza volto. Questa volta è stato il CEO dell’azienda più preziosa al mondo, Apple, che ha risposto direttamente a un attacco di un’altra società multimiliardaria, Facebook, il cui fondatore e CEO è la quinta persona più ricca del mondo.

Abbiamo già visto i CEO rispondere su Twitter in passato. Non va sempre bene. A volte finisce solo per peggiorare la situazione.

Cook, d’altra parte, è noto per essere un comunicatore estremamente riservato e raccolto. Non tende a farsi coinvolgere in discussioni pubbliche.

Senza offesa per Cook, ma le sue dichiarazioni pubbliche sono solitamente abbastanza ordinarie. Il suo account Twitter, in particolare, è una serie di post sui prodotti Apple, il suo impegno per varie cause o altri annunci aziendali. Quando a un certo momento Cook dice: “Facebook può continuare a tracciare gli utenti su app e siti Web”, deve solo “chiedere prima il tuo permesso”, che è più o meno la stessa bruciatura che ha intenzione di ottenere.

Il fatto che sia stato coinvolto nel rispondere a Facebook ci dice quanto sia importante la privacy per Apple. È abbastanza importante per il CEO mettere le cose in chiaro.

Ancora più importante, tuttavia, è un modello perfetto per come rispondere quando sei sotto attacco. Ecco perché:

  • Facebook ha utilizzato quasi 1.000 parole tra i due annunci e ha speso molti soldi per metterli di fronte alle persone. Ha creato uno scenario apocalittico in cui le piccole imprese – e Internet come lo conosciamo – crolleranno sotto il peso del cambiamento di Apple in iOS 14. Ha dipinto l’immagine di una grande azienda meschina che stava per costringere gli utenti a fare un cambiamento che sarebbe un male per tutti.
  • Cook, d’altra parte, ha usato solo 47 parole per rispondere. Lo ha fatto su una piattaforma di social media gratuita dove, nel momento in cui scrivo, era stato “apprezzato” oltre 110.000 volte.

In quella breve risposta, non era arrabbiato o polemico. Non ha insultato nessuno e non ha drammatizzato nulla. Invece, ha risposto personalmente, ha dichiarato ciò che Apple credeva, ha spiegato perché è importante per gli utenti e ha chiarito cosa sarebbe effettivamente cambiato. Questo è esattamente il modo in cui ogni leader dovrebbe rispondere quando è sotto attacco.

La risposta di Tim Cook all’attacco di Facebook è il miglior esempio di intelligenza emotiva che abbia mai vistoultima modifica: 2020-12-27T15:11:08+01:00da darionuke86
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento