Uno studio mostra che lavorare in pigiama non danneggia la produttività

Un nuovo studio del Woolcock Institute of Medical Research, insieme alla University of Technology Sydney e all’Università di Sydney, ha scoperto che lavorare da casa in pigiama durante la pandemia COVID-19 non ha abbassato la produttività, ma è stato collegato a problemi mentali più leggeri.

Secondo lo studio, il 41% degli intervistati ha dichiarato di aver sperimentato un aumento della produttività mentre lavorava da casa, mentre più di un terzo degli intervistati ha riferito che lavorare da casa ha portato a una salute mentale peggiore.

Quando lo studio ha esaminato gli effetti che l’uso del pigiama aveva sulla produttività e sulla salute mentale, ha scoperto che indossare il pigiama era associato a segnalazioni più frequenti di cattiva salute mentale. Per il 59% dei partecipanti che indossava il pigiama durante il giorno almeno un giorno alla settimana, hanno ammesso che la loro salute mentale è peggiorata mentre lavoravano da casa, contro il 26% dei partecipanti che non indossavano il pigiama mentre lavoravano da casa.

“Sebbene non possiamo determinare se indossare il pigiama sia la causa o la conseguenza del deterioramento della salute mentale, l’apprezzamento dell’effetto dell’abbigliamento sulla cognizione e sulla salute mentale sta crescendo, come osservato nei pazienti ospedalieri: incoraggiare i pazienti a indossare abiti normali da giorno può ridurre la gravità dellla depressione”, ha detto lo studio.

“Il semplice consiglio di cambiarsi prima di iniziare a lavorare la mattina potrebbe proteggere parzialmente dagli effetti delle restrizioni COVID-19 sulla salute mentale e sarebbe meno costoso (dal punto di vista sanitario) del concetto ‘alla moda’ o dell’abbigliamento da casa che sta guadagnando popolarità quando lavorare da casa diventa la norma.”

Lo studio ha anche esaminato l’impatto che i bambini avevano sulle persone mentre lavoravano da casa. Non sorprende che lo studio abbia rilevato che il 63% che lavora da casa con un bambino ha riferito una riduzione della produttività complessiva. Allo stesso modo, le persone che avevano figli della scuola primaria a casa mentre lavoravano concordavano sul fatto che la loro produttività era ostacolata.

Tuttavia, lo studio ha dimostrato che le cause di gran lunga più frequenti di interruzioni delle teleconferenze sono stati i problemi di connettività Internet. Altre interruzioni segnalate frequentemente sono state da neonati o bambini piccoli dei colleghi, o altri membri delle famiglie dei loro colleghi, che secondo lo studio includevano “aneddoti di comportamenti colorati da coinquilini non adatti alla pubblicazione”.

“Un intervistato è stato interrotto dal sonnambulismo, anche se non è chiaro se questo sia stato durante un pisolino diurno o una riunione notturna”, ha detto lo studio.

I risultati, che sono stati pubblicati nel Medical Journal of Australia, sono stati i risultati di un sondaggio condotto tra il 30 aprile e il 18 maggio con il personale, gli studenti e gli affiliati del Woolcock Institute of Medical Research, incluso il Garvan Institute, Children’s Medical, Centenary Institute e Brain and Mind Center.

Lo studio ha anche esaminato le modalità di lavoro delle persone durante la pandemia. Per il 42% degli intervistati, la cucina o il tavolo da pranzo era la loro scelta per il lavoro da casa. Nel frattempo, il 3% ha affermato di ricorrere al lavoro nei bagni.

Uno studio mostra che lavorare in pigiama non danneggia la produttivitàultima modifica: 2020-12-14T07:10:11+01:00da darionuke86
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento