Meno del 10% dei professionisti di sicurezza si sente pronto per il lancio del 5G

L’alba della tecnologia 5G è alle porte e questa nuova potenza wireless promette di essere un successore migliore e più veloce delle reti 4G. Con più dispositivi che si connettono a più dati, sia le imprese che i consumatori in generale trarranno grandi vantaggi dall’arrivo del 5G. Ma quanto sono pronte le aziende per questa nuova era della connettività e quanto è sicuro il 5G?

A valutare la preparazione al 5G e la consapevolezza riguardo alla sua sicurezza è AT&T Cybersecurity, che ha appena pubblicato il decimo Cybersecurity Insights Report: 5G and the Journey to the Edge, in collaborazione con IDC. Questo rapporto evidenzia i numerosi scenari che amplieranno le connessioni tra esseri umani e macchine in modo più rapido ed efficiente, ma introdurranno anche attacchi avanzati che possono mettere fuori uso aziende, servizi pubblici e persino città.

Inoltre, il rapporto delinea le numerose opportunità a disposizione delle aziende per cambiare la rete, trasferire le capacità a operatori e fornitori di servizi e richiedere assistenza con i fornitori di servizi di sicurezza per garantire la resilienza aziendale.

Dopo aver intervistato 1.000 professionisti C-suite e professionisti della sicurezza, la maggior parte riconosce che il 5G non è solo un 4G più veloce e sta facendo investimenti strategici per proteggere questa nuova frontiera che si avvicina rapidamente.

Alcuni dei risultati chiave dei rapporti includono:

  • Confusione sul 5G tra i leader aziendali: il 31% degli intervistati ritiene che il 5G sia protetto immediatamente dal provider di rete senza necessità di sicurezza aggiuntiva;
  • Posizione di sicurezza aziendale: meno del 10% degli intervistati ritiene che la propria posizione di sicurezza sia completamente preparata per il lancio del 5G;
  • Spesa per la sicurezza aziendale 5G: i leader aziendali spendono quasi un quarto del budget per la sicurezza 5G e aumenteranno tale spesa nei prossimi 12-18 mesi;
  • L’83,2% degli intervistati ritiene che gli attacchi alle applicazioni basate sul Web rappresenteranno una sfida;
  • Principali sfide per la sicurezza 5G: Gli intervistati affermano che le principali sfide alla sicurezza del 5G sono:
    • Privacy dei dati
    • Sicurezza dei dati a cui accedono endpoint mobili
    • La necessità di politiche di sicurezza più solide e specifiche
    • Maggiore potenziale di attacchi DDoS

Condividiamo qui con voi il rapporto completo per una visione più dettagliata di tutti i punti, però questo in sintesi è la preoccupante situazione allo stato attuale, per l’arrivo del prossimo 5G. Speriamo solo di non rimanere troppo indietro davanti alle nuove possibilità che la scienza ci mette tra le mani.

Meno del 10% dei professionisti di sicurezza si sente pronto per il lancio del 5Gultima modifica: 2020-12-11T10:08:23+01:00da darionuke86
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento